Archivi categoria: Caritas parrocchiale

FAME IN AFRICA: NUOVO APPELLO DELLA CARITAS

Continuano gli appelli delle agenzie internazionali e delle Chiese africane per la gravissima crisi alimentare che sta investendo diversi Paesi del continente a causa di conflitti localizzati, siccità e volatilità dei prezzi del cibo. Dopo il Sud Sudan anche in Somalia è stato dichiarato lo stato di carestia.

“In questo momento è più che mai necessario l’impegno di tutti a non fermarsi solo a dichiarazioni, ma a rendere concreti gli aiuti alimentari e a permettere che possano giungere alle popolazioni sofferenti”. Caritas rilancia con forza l’appello del Papa ed esorta tutti a non restare indifferenti davanti a questa drammatica crisi e a fare in modo che non si ripeta quanto accadde nel 2011, quando morirono per fame 250.000 persone.

“CAREZZA” MISERICORDIOSA DEL SIGNORE PER I POVERI

«I poveri sono la proposta forte che Dio fa alla Chiesa affinché cresca nell’amore e nella fedeltà»: ha detto Francesco alla Caritas italiana giovedì 21 aprile: I bisognosi aspettano «la carità,  cioè la “carezza” misericordiosa del Signore, attraverso la “mano” della sua Chiesa».

Il Papa ha tracciato una sorta di decalogo di come debba essere la misericordia , tema del giubileo , «nel mondo di oggi complesso e interconnesso»: Continua la lettura di “CAREZZA” MISERICORDIOSA DEL SIGNORE PER I POVERI

Roy: mobilitazione Caritas Internationalis per la pace in Siria

Cinque anni di guerra, migliaia di vittime, milioni di sfollati.
E’ il terribile bilancio della guerra in Siria che anche in questo inizio del 2016 continua a sconvolgere la vita del popolo siriano.

Di questi giorni la notizia di gente che muore di fame nella città di Madaya stretta d’assedio dalle forze fedeli ad Assad che proprio nelle ultime ore, annuncia l’Onu, ha autorizzato l’apertura di corridoi umanitari.

Per porre fine a questa guerra insensata, Caritas Internationalis ha lanciato una campagna di mobilitazione generale per i prossimi 12 mesi.

In Italia aumentano i senza-dimora

Sono 50 mila e 724 le persone senza dimora che, nei mesi di novembre e dicembre 2014, hanno utilizzato almeno un servizio di mensa o accoglienza notturna. Nel 2011 c’erano 47.648 senza fissa dimora. La stima esclude i minori, le popolazioni Rom e tutte le persone che, pur non avendo una dimora, sono ospiti, in forma più o meno temporanea, presso alloggi privati.