Che altro mi manca?

Quest’anno la lettera pastorale “Che altro mi manca?”, che il vescovo Beniamino ci ha consegnato a Monte Berico l’8 settembre, è proprio basata sull’episodio narrato dal vangelo di questa domenica. Ne riporto di seguito uno stralcio.

Tutti desiderano la felicità e temono la tristezza, che nel vangelo risulta come esito della resa del giovane ricco. Purtroppo, viviamo in quella che
è stata definita «l’epoca delle passioni tristi», quasi una resa all’impossibilità di poter vivere e condividere ideali alti, gioiosi e generosi.

Continua la lettura di Che altro mi manca?

Questione di cuore

Questione di cuore

Gesù, infedele alla lettera per essere fedele allo spirito, ci «insegna ad usare la nostra libertà per custodire il fuoco e non per adorare la cenere!» (G. Mahler). La Bibbia non è un feticcio, vuole intelligenza e cuore.

Gesù non intende redigere altre norme, piantare nuovi paletti. Non vuole regolamentare meglio la vita, ma ispirarla, accenderla, rinnovarla.

Continua la lettura di Questione di cuore

Perdersi (o essere salvati) in un bicchiere d’acqua

Gesù invita i suoi a passare dalla contrapposizione ideologica alla proposta gioiosa, disarmata, fidente del Vangelo. A imparare a godere del bene del mondo, da chiunque sia fatto; a gustare le buone notizie, bellezza e giustizia, da dovunque vengano.

A sentire come dato a noi il sorso di vita regalato a
qualcuno: chiunque vi darà un bicchiere d’acqua non
perderà la sua ricompensa. Chiunque, e non ci sono clausole, appartenenze, condizioni.

Continua la lettura di Perdersi (o essere salvati) in un bicchiere d’acqua

Mandato ufficiale

Ed ecco che, invece di risentirsi o di chiudersi nella delusione, «Gesù si avvicinò e disse loro…». Neppure il dubbio è in grado di fermarlo. Ancora non è stanco di tenerezza, di avvicinarsi, di farsi incontro, occhi negli occhi, respiro su respiro. È il nostro Dio “in uscita”, pellegrino eterno in cerca del santuario che sono le sue creature. Che fino all’ultimo non molla i suoi e la sua pedagogia vincente è “stare con”, la dolcezza del farsi vicino, e non allontanarsi mai più: «ecco io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo». Il primo dovere di chi ama è di essere insieme con l’amato. Continua la lettura di Mandato ufficiale

Millesimati

Pentecoste, Arcabas , olio su tela , Monastero Notre-Dame du Cénacle, Lione, Francia, 2005

Apparvero lingue di fuoco che si posavano su ciascuno. Su ciascuno, nessuno escluso, nessuna distinzione da fare. Lo Spirito tocca ogni vita, le diversifica tutte, fa nascere creatori. Le lingue di fuoco si dividono e ognuna illumina una persona diversa, una interiorità irriducibile. Ognuna sposa una libertà, afferma una vocazione, rinnova una esistenza unica. Continua la lettura di Millesimati

Quartiere San Lazzaro Vicenza Via P.L. da PALESTRINA, 82 0444/56.28.30