Francesco: CRISTIANI UNITI DA CARITÀ E IMPEGNO PER LA PACE

CRISTIANI IMPEGNATI PER LA RICONCILIAZIONE. Durante l’udienza generale il Papa, nei vari saluti, ha ricordato che è in corso la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani, chiedendo al Signore “di confermare tutti i battezzati nella fedeltà al messaggio evangelico e nell’impegno comune per la riconciliazione e la pace”.

APPROFONDIRE IL DIALOGO TRA LE VARIE CHIESE. La Settimana ha come motto la richiesta che Gesù fece alla Samaritana: “Dammi da bere” (Gv 4,7). “La contemplazione di questa scena evangelica – ha detto – sia per voi un’occasione per poter conoscere ancora meglio la tradizione delle chiese sorelle, per approfondire il dialogo, la preghiera comune e la piena unità dei testimoni di Cristo”.

DIALOGO DELLA CARITÀ. Chiedendo poi la solidarietà spirituale e materiale in favore delle popolazioni duramente provate dello Sri Lanka e delle Filippine, ha osservato: “Ciò fa parte di quel «dialogo della carità» che punta alla piena comunione di tutti i figli di Dio, come ci ricorda in questi giorni l’Ottavario di Preghiera per l’unità dei cristiani”.

RIFLETTERE SULL’APPARTENENZA A CRISTO A ALLA CHIESA. Infine, un pensiero speciale ai giovani, ai malati e agli sposi novelli: “La Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, che stiamo celebrando, ci offre l’opportunità di riflettere sulla nostra appartenenza a Cristo e alla Chiesa. Cari giovani, pregate affinché tutti i cristiani siano un’unica famiglia; cari ammalati, offrite le vostre sofferenze per la causa dell’unità della Chiesa; e voi, cari sposi novelli, fate esperienza dell’amore gratuito come è quello di Dio per l’umanità”.