GIOVANI SIATE COSTRUTTORI DI UNA SOCIETÀ PIÙ SANA E SOLIDALE

Costruire una società “più sana”, affrontare le “sfide morali” poste dalla globalizzazione, mirare alla realizzazione di un mondo più solidale attraverso l’arricchimento culturale che permette anche un più facile inserimento nel mondo del lavoro ed evita la “fuga dei cervelli

“Costruire una società più sana” è, “l’obiettivo da tenere sempre presente”. “È importante che le nuove generazioni vadano in questa direzione, si sentano responsabili della realtà in cui vivono e artefici del futuro”.

“Nel nostro tempo, le sfide morali da affrontare sono molte e non è sempre facile lottare per l’affermazione della verità e dei valori, soprattutto quando si è giovani. Ma con l’aiuto di Dio, e con la sincera volontà di fare il bene, ogni ostacolo può essere superato”.

“Alla concezione moderna dell’intellettuale, impegnato nella realizzazione di se stesso e in cerca di riconoscimenti personali, spesso senza tener conto del prossimo, è necessario contrapporre un modello più solidale, che si adoperi per il bene comune e per la pace. Solo così il mondo intellettuale diventa capace di costruire una società più sana. Chi ha il dono di poter studiare ha anche una responsabilità di servizio per il bene dell’umanità. Il sapere è una via privilegiata per lo sviluppo integrale della società; e l’essere studenti in un Paese diverso dal proprio, in un altro orizzonte culturale, permette di apprendere nuove lingue, nuovi usi e costumi.

Consente di guardare il mondo da un’altra prospettiva e di aprirsi senza paura all’altro e al diverso. Questo porta gli studenti, e chi li accoglie, a diventare più tolleranti e ospitali. Aumentando le capacità relaziona-li, cresce la fiducia in se stessi e negli altri, gli orizzonti si espandono, la visione del futuro si amplia e nasce il desiderio di costruire insieme il bene comune. Le scuole e le università sono un ambito privilegiato per il consolidamento di coscienze sensibili verso uno sviluppo più solidale e per portare avanti «un impegno di evangelizzazione in modo interdisciplinare e integrato» (cfr Evangelii gaudium,134).

Per questo, esorto voi insegnanti e operatori pastorali a infondere nei giovani l’amore per il Vangelo, la voglia di viverlo concretamente e di annunciarlo agli altri. È importante che il periodo trascorso all’estero diventi un’occasione di crescita umana e culturale per gli studenti e sia per loro un punto di partenza per tornare nel Paese di origine a dare il loro contributo qualificato e anche con la spinta interiore a trasmettere la gioia della Buona Notizia.

È necessaria un’educazione che insegni a pensare critica-mente e che offra un percorso di maturazione nei valori (cfr ibid., 64).

In questo modo, si formano giovani assetati di verità e non di potere, pronti a difendere i valori e a vivere la misericordia e la carità, pilastri fondamentali per una società più sana”.

“L’arricchimento personale e culturale permette ai giovani di inserirsi più facilmente nel mondo del lavoro, assicurandosi un posto nella comunità e diventandone parte integrante. Da parte sua, la società è chiamata ad offrire alle nuove generazioni valide opportunità occupazionali, evitando la ‘fuga di cervelli’… è doloroso che giovani preparati siano indotti ad abbandonare il proprio Paese perché mancano adeguate possibilità di inserimento”.

…Anche tra i giovani – e questo è molto triste – può insinuarsi la «globalizzazione dell’indifferenza», che ci rende «incapaci di provare compassione dinanzi al grido di dolore degli altri» (ibid., 54).

…Cari giovani, San Giovanni Paolo II amava chiamarvi “sentinelle del mattino”. Vi incoraggio a esserlo ogni giorno, con lo sguardo rivolto a Cristo e alla storia. Così riuscirete ad annunciare la salvezza di Gesù e a portare la sua luce in un mondo troppo spesso oscurato dalle tenebre dell’indifferenza, dell’egoismo e della guerra”.